Home

Vaccino anti-Covid per i donatori, ecco qual è la risposta del ministero della Salute

In base a quanto indicato nella lettera inviata alle Regioni e al CIVIS, i donatori potranno essere sottoposti alla vaccinazione nella fase successiva alle categorie prioritarie

 

Donare il sangue è “essenziale” ai fini degli obiettivi del Servizio Sanitario Nazionale, motivo per cui i donatori potranno essere sottoposti alla vaccinazione anti-Covid-19 nella fase successiva alle categorie prioritarie. È la spiegazione contenuta nella lettera ufficiale che il ministero della Salute ha inviato agli assessorati regionali alla Sanità, alle strutture trasfusionali e alle associazioni che, attraverso il CIVIS (il coordinamento delle associazioni dei donatori), nei mesi scorsi avevano più volte sollecitato chiarimenti su questo tema.

 

Le cosiddette categorie prioritarie sono rappresentate da operatori sanitari, personale e ospiti dei presidi residenziali per anziani (RSA, ndr), persone in età avanzata e con maggiori fattori di rischio clinici e coloro che soffrono di patologie cronicheimmunodeficienze e disabilità. Una volta terminata la somministrazione per queste categorie, si potrà procedere con i donatori di sangue “il cui gesto solidaristico è essenziale ai fini degli obiettivi del SSN”, si legge nella lettera firmata dal direttore generale del ministero, il dott. Giovanni Rezza.

 

Il documento spiega anche che “il personale sanitario che svolge attività di raccolta di sangue ed emocomponenti nelle Udr gestite da associazioni e federazioni di donatori rientra nella categoria prioritaria degli operatori sanitari”, ecco perché le Regioni e le Province Autonome possono “programmare la loro vaccinazione secondo le procedure già individuate per coloro che operano in strutture pubbliche o private accreditate”.

 

Come ha commentato il presidente di AVIS NazionaleGianpietro Briola, «siamo molto contenti che il ministero abbia riconosciuto il valore della donazione come gesto essenziale allo scopo di raggiungere e mantenere l’autosufficienza. Proprio durante la pandemia la scelta volontaria e non remunerata di migliaia di donatori ha permesso al nostro sistema di reggere l’urto del virus e agli ospedali di continuare a garantire terapie e interventi salvavita. Assicurare il prima possibile il vaccino ai nostri volontari significa compiere un gesto concreto non solo di riconoscenza, ma anche della tangibile intenzione di mantenere solido e affidabile il nostro sistema sanitario».

Consegna Tablet per la Didattica a Distanza al Comune di Gallarate

Video disegni calendario 2021

Avis-Gallarate è orgogliosa di presentare il video realizzato

raggruppando la totalità del materiale ricevuto per la composizione del

Calendario di Avis-Gallarate 2021


Il calendario che ogni anno realizziamo si propone di offrire immagini serene:

quest’anno, purtroppo, il compito ci si è presentato più difficile,

perché il momento che siamo costretti a vivere ha ben poco di lieto da offrire.

Ci siamo ricordati che Rabelais diceva:

il bambino non è un vaso da riempire, ma un fuoco da accendere”,

per cui niente ci è sembrato meglio, in questo terribile momento

della nostra vita e di quella dei nostri bambini,

che accendere il fuoco della loro fantasia distraendoli con un impegno diverso.

Abbiamo allora pensato di coinvolgere gli alunni di quinta elementare

delle scuole comunali di Gallarate, chiedendo loro di disegnare

come vedono “il donare”.

Quello che hanno realizzato con la loro spontanea e colorita espressività

ci manda un messaggio positivo di speranza,

messaggio che il calendario farà arrivare a tutti i donatori di Avis-Gallarate.


La partecipazione degli alunni di quinta, ben superiore allo spazio a disposizione per pubblicare tutti i disegni, purtroppo, ci ha costretto a sacrificarne alcuni.

Per ringraziare anche coloro che non hanno visto i loro disegni pubblicati

abbiamo realizzato questo video, in cui abbiamo raccolto tutti quelli ricevuti.

Siamo orgogliosi dell’adesione di così tanti giovani e auspichiamo

che il compito che hanno svolto con tanto interesse serva anche

a stimolarli ad interessarsi alla nostra associazione e al mondo del volontariato.

La riuscita del calendario è soprattutto merito loro a per questo li ringraziamo.


Il Consiglio Direttivo di Avis-Gallarate